• Home
  • L'Istituto
  • Percorsi

1. InSIeme nel Mistero... ”io-Tu-noi”

“Un giorno in cui riceveva degli ospiti eruditi, Rabbi Mendel di Kozk li stupì chiedendo loro a bruciapelo:
Dove abita Dio?”. Quelli risero di lui: “Ma che vi prende? Il mondo non è forse pieno della sua gloria?”. Ma il Rabbi diede lui stesso la risposta alla domanda: “Dio abita dove lo si lascia entrare”.
Martin Buber, Il cammino dell’uomo

Un attenzione particolare alla crescita della dimensione spirituale: con il nostro presidente Don Luciano Barbaro, parroco di S. Stefano, con la Pastorale Universitaria e altri preziosi collaboratori, vivremo insieme ai ragazzi tempo e spazio di incontro, per porre al centro un’unitarietà che ci interpella: FEDE E VITA. RICERCA, IMPLICAZIONI E SCOPERTA DI SENSO E SIGNIFICATI.

Avvento e Quaresima in Collegio e in ciascun appartamento, tempi e spazi per incontri speciali: “Oggi devo fermarmi a casa tua” (Lc 19,5)

2. inSIeme nel Mistero della Scoperta, della Bellezza e del Dialogo

Incontri con Memorie parlanti.

Raccontarsi come metodo per esporsi e conoscere gli altri, ma anche per riorganizzare la propria esperienza di vita se- condo una logica di eventi orientati verso uno scopo: fare memoria insieme.
«La Memoria è ciò che di più nostro, nella povertà o nel benessere, si possa possedere. E’ l’intimità che non potrà mai del tutto essere detta o trascritta. Mai conclusa, nemmeno dalla nostra scomparsa, essa esprime la profonda inafferrabilità della vita interiore e la sfida a catturarne, almeno qualche frammento. [...] Soltanto l’incontro, o l’inciampo, con i quesiti dell’eternità, con il nostro ammutolire stupefatto, ci restituisce ciò che il tempo, ogni giorno di più, ci toglie.»
Duccio Demetrio, Pedagogia della memoria.

SENTI CHI PARLA... SERATE CON TESTIMONI D’ALTRI TEMPI... PER VIAGGIARE CON LORO NELLA STORIA E IN UNA VENEZIA O ESPERIENZE A NOI SCONOSCIUTE.

Un proseguo delle feste/incontri o percorsi che da anni viviamo con amici e/o i diversamente giovani della nostra parrocchia.


Durante l’anno incontri multidisciplinari e/o percorsi individuati insieme, in relazione al tema dell’anno che farà da cornice ad ogni sviluppo quotidiano. Arte, Spiritualità, Musica, Solidarietà, Filosofia, Storia etc..... per coinvolgere i nostri giovani e renderli i veri protagonisti di questa esperienza, partendo dalle loro passioni ed interessi, per lasciare traccia imparando a riconoscere quelle di chi ci ha preceduto. Educandoci reciprocamente ad interiorizzare un tem- po che permetta di conoscere e/o sviluppare competenze, acquisendo co-noscenza, consapevolezza ed esperienze preziose di collaborazione: prima-durante-dopo evento (vedi metodo* pedagogia generante R. Gonella).


Metodologia creazione evento/incontro/seminario:

  1. Partenza: piccolo gruppo di studenti svolge una breve ricerca sul tema e/o personaggio
  2. noi-gli altri: il gruppo dei coord. (a più voci e con diverse modalità) presenta il personaggio a tutto il resto della piccola grande comunità (attraverso incontri a gruppetti presso appartamenti e collegio), in modo da suscitare un dibattito (richieste di chiarimenti/approfondimenti, punti oscuri, punti forti e/o attrattivi, osservazioni critiche....)
  3. insieme verso: il gruppo di coord. che dall’inizio segue l’incontro, si espande inglobando gradualmente sempre più interessati e si incontrerà per un confronto, con l’esperto invitato a condividere con tutti la sua conoscenza/esperienza sul personaggio individuato. Si valuta insieme in questi incontri (solitamente più d’uno) a come presentare e/o af-
    frontare le tematiche emerse e che materiale sia il caso di preparare (video, cartaceo, foto....etc.) per coinvolgere più persone anche durante la preparazione.
  4. in divenire: in base al personaggio o tema scelto si vivono almeno una decina di incontri per la preparazione (infor- mali, che mi permettano di interagire con ciascuno dei ragazzi coinvolti direttamente o indirettamente), in modo da poter coinvolgere ogni studente ( da un minimo ad un massimo del coinvolgimento personale) e rendere il suo inte- resse o sua passione/percorso di studio, protagonista e necessario per la realizzazione dell’incontro.
  5. serata evento, partecipazione attiva di quasi tutti gli studenti (con prove generali tutti insieme, solitamente due ore prima), si invitano gli esperti che hanno partecipato, colleghi ed amici e si vive a conclusione un momento di festa tut- ti insieme. Solitamente gli esperti vengono coinvolti anche in momenti successivi dagli studenti... per vivere il nostro ormai consolidato stile: prima durante e dopo.

Far vivere ai ragazzi un’ esperienza di continuità, pieno e attivo coinvol- gimento di sé e delle proprie potenzialità, risulta essere a tutt’oggi la chiave per un percorso generante e che ancora abbia inizio da un incontro “Allora Gesù, fissatolo, lo amò” (Mc 10, 21).

3. InSIeme nel Mistero per scoprire gli altri e il mondo

Insieme per aprire gli occhi su ciò che ci circonda (Bellezza e non solo), ampliare il nostro orizzonte e co-noscere ciò che risulta essere vicino o lontano, capire cosa possiamo fare concretamente per collocarci nel mondo come cittadino responsabile e attivo. Viene riproposto il progetto “solidarietà A.A.A (attiva, attesa e amorevole)”, a cui si affian- cano nuove idee per percorsi formativi volti a scoprire l’attualità e gli argomenti che toccano il nostro tempo: Fede e Scienza, Ecumeniscmo, Mafia, dialogo internazionale, ecologia, Associazione Care e Share (india rif. Silvia Gramigna), Africa si in collaborazione con Domus Civica. etc...

Quotidianamente: progetto cibo rimanente la sera in mensa, raccolta alimentare in Avvento e in Quaresima per i bi- sognosi della parrocchia e distribuzione. Feste durante l’anno con i diversamenti giovani della parrocchia per creare anche con loro momenti di solidarietà, conoscenza e testimonianza di un dialogo che può divenire eredità preziosa. Animazione e sostegno alcuni momenti attività catechismo.

4. inSIeme nel Mistero...per cercare di guardarsi dentro, per capire chi siamo e come metterci in gioco con sé stessi e gli altri.

Creare uno spazio psicologico e pedagogico d’ascolto e di momenti in cui sperimentare singolarmente e/o in gruppo dinamiche e attività orientate al ben-stare insieme.

  • Incrementare le abilità necessarie al processo di scelta e sostenere la motivazione nell’ambito dello studio
  • Rendere possibile l’individuazione di strategie idonee ad affrontare il disagio personale e le difficoltà nel corso dell’esperienza universitaria e non.
  • Promuovere e rinforzare le capacità autonome dei giovani
  • Sensibilizzare i giovani su tematiche a loro interessanti, seducenti o vicine

Desideri ricevere informazioni sui nostri eventi? Iscriviti alla newsletter

Teniamoci in Contatto

RESIDENZA UNIVERSITARIA ISTITUTO CILIOTA

CONTATTI